Ultima modifica: 9 Giugno 2020

XXVII edizione del Premio Serietà e impegno

Terzo posto per Bianca Nesti, studentessa del Liceo Classico – Menzione per Matilde Capecchi

E’ancora una volta una studentessa del nostro Liceo Classico, Bianca Nesti della classe 5C, ad aggiudicarsi un importante riconoscimento nell’ambito del “Premio Serietà e impegno”, ottenendo il terzo posto in questo concorso promosso dal Rotary Club di Pistoia-Montecatini Terme con lo scopo di premiare gli studenti particolarmente meritevoli delle scuole superiori della provincia di Pistoia che si siano distinti per i loro risultati scolastici e per il loro impegno etico-sociale. La cerimonia di premiazione del Concorso, che quest’anno ha ricevuto anche il patrocinio del Senato, si è tenuta lo scorso 29 Maggio in videoconferenza a causa dell’emergenza sanitaria. Alla nostra studentessa sono andati un generoso premio in denaro e l’encomio della Commissione giudicatrice, che ha rilevato, stando alle parole della sua presidente, la dottoressa Nadia Nesti, il notevole spessore culturale e umano degli studenti incontrati nei colloqui di selezione e ne ha anche apprezzato la riconoscenza, viva in tutti loro, per l’importante ruolo svolto dalla scuola nella loro formazione. Bianca aveva partecipato alle selezioni in forza dei brillanti risultati scolastici conseguiti nel corso del triennio e, dopo la presentazione di un elaborato dal titolo “Il mio futuro: dalla scuola al lavoro tra serietà di studio e impegno sociale”, ha dovuto sostenere un colloquio di cultura generale, nel quale sono state valutate non solo le competenze raggiunte ma anche la personalità, l’impegno nel sociale e le attività extra-scolastiche. Congratulazioni vivissime a Bianca e ai suoi docenti.

Fra le studentesse che la scuola aveva selezionato per partecipare al premio c’era anche Matilde Capecchi della classe 5G del Liceo Economico Sociale, scomparsa in seguito ad una terribile malattia nel mese di Aprile. La commissione del Premio Serietà e impegno, riconoscendo l’encomiabile impegno a cui Matilde non è mai venuta meno anche nelle circostanze difficilissime della sua malattia, ha ritenuto di dover conferire a Matilde una  menzione speciale, che riconosce la serietà e la sensibilità di una ragazza che sapeva spendersi per gli altri nel volontariato e nell’impegno sociale e che ai suoi docenti ha insegnato il coraggio e la dignità, la forza e la fiducia con cui affrontare le avversità della vita.